Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Indennità per occupazione senza titolo di aree demaniali: giudice amministrativo vs giudice ordinario.

Mancata esecuzione della sentenza che riconosce il diritto del docente.

Non tutelabile l’interesse al corretto posizionamento della segnaletica stradale.

Appalti pubblici: i chiarimenti del TAR Lazio sui termini del procedimento sul soccorso istruttorio in materia di appalti.

Immigrazione: alla Corte di Giustizia la compatibilità della revoca delle misure di accoglienza con il diritto dell’UE.

Errore del Ministero per la classe di concorso Scienze giuridico-economiche A046.

Studente ricorre al TAR per mancato punteggio integrativo dopo le prove degli esami di Stato.

Accesso agli atti docente revocata dall’incarico.

Prova concorsuale del 2020, docente escluso, il TAR gli dà ragione

Bimbo iperattivo di sei anni sospeso da scuola

La nozione di pubblica amministrazione valevole nelle procedure d’appalto. TAR Basilicata, sent. n. 85/2024.

Medicina e test d'ingresso.

Laurea in Ingegneria vecchio ordinamento e libertà di insegnamento.

Tolc -Med ed il caos dell'accesso all'Università.

Sentenza Tar: alunno con autismo rimane un altro anno alla scuola dell’infanzia.

Vetrate panoramiche amovibili: sono sempre installabili?

Mancata esecuzioni delle sentenze da parte del Ministero dell’Istruzione e giudizio di ottemperanza.

Naturalizzazione cittadini stranieri: irrilevante il periodo di residenza effettiva.

Appalti pubblici: legittima la clausola che assegna un punteggio più alto chi riassorbe il personale già in servizio.

 In tema di appalto la clausola del disciplinare che preveda l'attribuzione di un punteggio aggiuntivo al concorrente che assorba risorse umane in numero superiore ai minimi di legge, assicurando ad esse mansioni e inquadramento analoghi a quelli precedenti, in modo da garantire la massima continuità nell'esecuzione dell'appalto, non entra in conflitto con i vincoli di concorrenza derivanti dal diritto unionale, tenuto conto che essa non comporta l'imposizione di un obbligo, ma accorda in via opzionale ai concorrenti la possibilità di conseguire un punteggio maggiore garantendo la continuità dei rapporti lavorativi e delle mansioni dei dipendenti del precedente appaltatore.

Tale previsione peraltro non si appalesa illegittima poiché, tra i criteri di aggiudicazione, possono essere compresi anche criteri di natura sociale riferiti all'applicazione di un determinato contratto collettivo di lavoro o di una determinata tipologia di contratto di lavoro individuale, volti a conseguire specifici obiettivi di stabilità occupazionale e di trattamento economico e normativo dei lavoratori impiegati nell'appalto; fermo restando il limite da tempo individuato dalla giurisprudenza europea, ossia che il requisito non trasmodi nella previsione di criteri sociali che, abbandonando il legame con l'oggetto del contratto (nei termini sopra richiamati), prendano in considerazione gli aspetti relativi alla politica generale dell'impresa o altri aspetti estranei al programma contrattuale.

Tribunale Amministrativo Regionale della Campania, sentenza del 20 settembre 2023, n. 5155.

Il COA non può subordinare l’accesso agli atti del procedimento al pagamento dei diritti di ricerca e visura.

Cerca nel sito