Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Scuola. Redazione di PDF e PEI necessaria ai fini della tutela degli alunni con disabilità.

Ordine di demolizione: legittimo se intimato al proprietario che non sia autore materiale dell’abuso

Con la sentenza n. 10920/2021, il Tar Lazio, sezione seconda quater, ha dichiarato la legittimità di un provvedimento con cui, ai sensi dell'art. 31 del d.P.R. n. 380/2001 , si intimava alla società p...

Scuola: il difetto di verbalizzazione non comporta l’inesistenza dell’atto amministrativo.

 Con sentenza n.00078/2022 (fonte https://www.giustizia-amministrativa.it), il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, con riferimento alla domanda di annullamento dell'esito di valutazione dell'esame di maturità, ha affermato che "il difetto di verbalizzazione (...) non comporta l'inesistenza dell'atto amministrativo, dato che la determinazione volitiva dell'organo è ben distinta dalla sua proiezione formale, confermandosi, così, la distinzione tra atto deliberato e sua verbalizzazione".

Vediamo nel dettaglio la questione sottoposta all'esame del giudice amministrativo.

I fatti di causa

La ricorrente, studentessa della V classe di Liceo, ha chiesto:

  1. l'annullamento della scheda di valutazione, riportante il risultato finale dalla stessa conseguito all'esito dell'esame di maturità ed il punteggio relativo alla prova d'esame;
  2. nonché il "riesercizio del giudizio valutativo", ritenendo di poter ottenere l'attribuzione di un punteggio integrativo di 5 punti.

A sostegno delle sue ragioni la ricorrente ha addotto due motivi.

    In primo luogo a parere della ricorrente l'atto è carente di motivazione, in quanto la verbalizzazione sullo svolgimento della prova di esame orale, sostenuto dalla stessa, sarebbe priva di elementi valutativi e di supporto motivazionale. E questo sarebbe dimostrato dal raffronto tra la votazione attribuita in sede d'esame e la media dei voti conseguiti nel secondo quadrimestre e nell'ultimo quadrimestre.

    In secondo luogo la valutazione sarebbe viziata da violazione e falsa applicazione dell'art.18 co.6 dell'ordinanza ministeriale n.52 del 3 marzo 2021 (secondo il quale l'attribuzione del punteggio del colloquio sostenuto da ciascun candidato deve essere contestuale alla data del colloquio stesso). E ciò in considerazione della circostanza che la data riportata sulla scheda di verbalizzazione dell'esame sarebbe successiva di tre giorni rispetto alla data di svolgimento dell'esame, con la conseguente illegittimità della valutazione della prova.  

Permesso di costruire: decadenza legittima se non si realizzano i lavori per la pendenza di un contenzioso

Con la sentenza n. 2256/2021, la II sezione del Tar Campania, sezione distaccata di Salerno, ha confermato la legittimità di un provvedimento con cui veniva disposta la decadenza di un permesso di cos...

Pergotenda: quando rappresenta una pertinenza?

Con la sentenza n. 7091 dello scorso 8 novembre, la VIII sezione del Tar Campania, sezione distaccata di Napoli, ha confermato la legittimità di un'ordinanza con cui veniva irrogata una sanzione per a...

Sospensione docenti non vaccinati: misura corretta in ragione della specificità della prestazione

Appalti pubblici: la terza classificata può impugnare l'aggiudicazione a determinate condizioni

Permesso di costruire: se viene sospeso, si pagano gli oneri?

Con la sentenza n. 752 depositata lo scorso 26 ottobre, la I sezione del Tar Marche ha fornito interessanti specificazioni sulla sorte dei contributi dovuti per il rilascio di un permesso di costruire...

Ritiro patente automatico ex art. 120, comma 1, c.d.s.: illegittimo senza verifiche da parte della P.A.

Veranda chiusa: non è sufficiente la SCIA

Con la sentenza n. 1976 depositata lo scorso 11 novembre, la II sezione del Tar Calabria ha dichiarato la legittimità di un'ordinanza con cui si disponeva la demolizione di una veranda che , pur avend...

Stato ansioso dell'alunno con competenze intellettive nella norma: se certificato dà diritto ai BES

Cambio di destinazione d’uso da cantina a monolocale: occorre il permesso di costruire

Con la sentenza n. 268 dello scorso 11 novembre, il Tar Emilia Romagna , sezione distaccata di Parma, ha confermato la legittimità di un'ordinanza con cui si ordinava il ripristino dello stato dei luo...

Diniego di condono: va notificato solo all’istante, non anche ai comproprietari

Con la sentenza n. 7231 dello scorso 12 novembre, il Tar Campania, IV sezione, ha dichiarato la legittimità di un provvedimento con cui si rigettava una istanza di condono presentata solo da un compro...

Il provvedimento di revisione della patente non ha natura sanzionatoria

Abuso edilizio, demolizione: provvedimento legittimo con la sola descrizione dell’abuso

Con la sentenza n. 6147 dello scorso 1 ottobre, il Tar Campania, VIII sezione, ha confermato la legittimità di un ordine di demolizione di alcune opere realizzate in assenza di valido titolo edilizio,...

Istanza accesso civico generalizzato: il silenzio della P.A. è qualificabile come silenzio- inadempimento

Impianto fotovoltaico su pergolato: basta la CILA

Con la sentenza n. 9457/2021, la II sezione bis del Tar Lazio, ha dichiarato l' illegittimità di un'ordinanza con cui si disponeva la demolizione di un impianto fotovoltaico   integrato su pergol...

Iscrizioni prime classi: no a modifica dei criteri nell'ammissione da parte del Dirigente

Green pass privo di QR code: sì a esclusione dalla partecipazione al test per accedere al corso di laurea

Piscina in zona agricola: non muta la destinazione della zona

  Con la sentenza n. 2035 dello scorso 29 settembre, la II sezione del Tar Campania, sezione distaccata di Salerno, ha confermato l'illegittimità di un provvedimento con il quale si negava l'auto...