Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Accertamento e prova della pretesa amministrativa nel processo tributario

Atti vandalici in condomìnio

Scoperture bollenti

Confermati i crediti d’imposta investimenti nel 2021

Danni da diffamazione a mezzo stampa e mediazione

Il mille proroghe non sospende (ancora) le notifiche

Agenzia Entrate: Circolare n. 30/E/2020 - Superbonus 110%

Superbonus e bed & breakfast

Smaltimento di olio alimentare in condomìnio

Liberarsi dai debiti: ora si può

Ecco il testo integrale del Decreto Natale pubblicato oggi in GU

E’ donazione indiretta un bonifico del marito sul conto corrente della moglie?

Istanza di mediazione ed impugnazione della delibera condominiale

Al via il "Casinò Italia”

Processo tributario ed effetti dell’appello per mancata notifica nei confronti di un litisconsorte necessario

Il compenso al direttore dei lavori viene meno per i ritardi della ditta appaltatrice?

Sospese anche le scadenze fiscali di dicembre

Riscossione e prescrizione dei crediti previdenziali Inps

Appalto lavori condominiali: responsabilità solidale della ditta e del direttore dei lavori

Prorogate le scadenze fiscali

Il ministero dell'Economia e delle Finanze, con il comunicato stampa n. 269 di venerdì scorso, - p.s.: i tempi ormai sono maturi affinché si aggiornino i manuali di diritto costituzionale inserendo tra gli atti normativi i comunicati stampa - ha annunciato la proroga, dal 30 novembre al 10 dicembre 2020, del termine per il versamento della seconda o unica rata d'acconto delle imposte sui redditi e dell'IRAP dovuta dalle aziende e dai lavoratori autonomi. Il differimento troverà dimora nel cosiddetto tanto atteso Decreto Legge "Ristori-quater", in corso di adozione da parte del Consiglio dei Ministri.

Inoltre, si annuncia la proroga al 30 aprile 2021 del versamento della seconda o unica rata dei suddetti acconti anche per le imprese non interessate dagli ISA:

-ovunque localizzate, che hanno conseguito nel periodo d'imposta precedente a quello in corso ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro e che, nel primo semestre 2020, hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33% rispetto al primo semestre 2019;

-che operano nei settori economici individuati nell'Allegato 1 al D.L. n. 137/2020, come sostituito dall'Allegato 1 al D.L. n. 149/2020, e nell'Allegato 2 al medesimo D.L. n.149/2020, come integrato dall'art. 1 comma 2 del D.L. n. 154/2020, c.d. "Ristori-ter", e hanno domicilio fiscale o sede operativa nelle c.d. "zone rosse", nonché per i soggetti che gestiscono ristoranti nelle c.d. "zone arancioni", a prescindere dai requisiti relativi ai ricavi o compensi e alla diminuzione del fatturato o dei corrispettivi.

Il provvedimento atteso posticiperà anche il termine per la presentazione dei modelli REDDITI 2020 e della dichiarazione IRAP 2020, che sarà dilatato fino al 10 dicembre 2020.