Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Scuola. Registrare una lezione in classe costituisce violazione dei dati personali?

Scuola. In caso di destituzione è possibile il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica?

Scuola. Diploma di Arte della grafica pubblicitaria consente la partecipazione al concorso per docenti?

Scuola. Limiti e base giuridica del diritto di accesso agli atti dell’Istituto scolastico da parte del sindacato

Scuole, concorso. “Recuperiamo la legalità per vivere nella libertà e, quindi, nella dignità”

Abilitazioni conseguite all'estero. Limite alle materie in cui il docente è legittimato ad insegnare

Domanda di riconoscimento dei titoli stranieri per l'insegnamento. Illegittimo il silenzio della P.A.

Scuole, concorso. “La privacy: diritto umano nella società digitale”

Scuola. L'attività di doposcuola non integra il requisito di insegnamento corrispondente a posto di ruolo

Istruzione. Legittima la distinzione tra gli educatori di sesso maschile e femminile

Scuola. Legittime le sessioni suppletive di concorso dovute all'emergenza epidemiologica.

Scuola. Redazione di PDF e PEI necessaria ai fini della tutela degli alunni con disabilità.

Scuola: il difetto di verbalizzazione non comporta l’inesistenza dell’atto amministrativo.

 Con sentenza n.00078/2022 (fonte https://www.giustizia-amministrativa.it), il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, con riferimento alla domanda di annullamento dell'esito di valutazione dell'esame di maturità, ha affermato che "il difetto di verbalizzazione (...) non comporta l'inesistenza dell'atto amministrativo, dato che la determinazione volitiva dell'organo è ben distinta dalla sua proiezione formale, confermandosi, così, la distinzione tra atto deliberato e sua verbalizzazione".

Vediamo nel dettaglio la questione sottoposta all'esame del giudice amministrativo.

I fatti di causa

La ricorrente, studentessa della V classe di Liceo, ha chiesto:

  1. l'annullamento della scheda di valutazione, riportante il risultato finale dalla stessa conseguito all'esito dell'esame di maturità ed il punteggio relativo alla prova d'esame;
  2. nonché il "riesercizio del giudizio valutativo", ritenendo di poter ottenere l'attribuzione di un punteggio integrativo di 5 punti.

A sostegno delle sue ragioni la ricorrente ha addotto due motivi.

    In primo luogo a parere della ricorrente l'atto è carente di motivazione, in quanto la verbalizzazione sullo svolgimento della prova di esame orale, sostenuto dalla stessa, sarebbe priva di elementi valutativi e di supporto motivazionale. E questo sarebbe dimostrato dal raffronto tra la votazione attribuita in sede d'esame e la media dei voti conseguiti nel secondo quadrimestre e nell'ultimo quadrimestre.

    In secondo luogo la valutazione sarebbe viziata da violazione e falsa applicazione dell'art.18 co.6 dell'ordinanza ministeriale n.52 del 3 marzo 2021 (secondo il quale l'attribuzione del punteggio del colloquio sostenuto da ciascun candidato deve essere contestuale alla data del colloquio stesso). E ciò in considerazione della circostanza che la data riportata sulla scheda di verbalizzazione dell'esame sarebbe successiva di tre giorni rispetto alla data di svolgimento dell'esame, con la conseguente illegittimità della valutazione della prova.  

Scuola e il concorso per sensibilizzare i giovani al valore del rispetto delle regole e della lotta alla corruzione

Sospensione docenti non vaccinati: misura corretta in ragione della specificità della prestazione

Olicyber.IT e CyberChallenge.IT: piani per incentivare gli studenti ad avvicinarsi alla cybersicurezza

Stato ansioso dell'alunno con competenze intellettive nella norma: se certificato dà diritto ai BES

Scuola: le proroghe e rinnovi dei contratti a termine seguono una disciplina speciale

Scuole: sensibilizzate per la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

L'ammissione dell'allievo a scuola determina un vincolo negoziale con i conseguenti obblighi

Cerca nel sito