Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Recinzione di un immobile: occorre il permesso di costruire?

Imagoeconomica_1527195

Con la sentenza n. 663 dello scorso 14 luglio, la I sezione del Tar Liguria, ha dichiarato l' illegittimità di un'ordinanza con cui si disponeva la demolizione di una recinzione realizzata con la posa in opera di 64 paletti in ferro.

Dopo aver rilevato come l'intervento consisteva in una mera apposizione di rete metallica sorretta da paletti di ferro o legno, senza muretto di sostegno, il Collegio ha ricordato che "la realizzazione di una recinzione non richiede un titolo edilizio costitutivo laddove si tratti di una trasformazione che, per l'utilizzo di materiale di scarso impatto visivo e per le dimensioni dell'intervento, non comporti un'apprezzabile alterazione ambientale, estetica e funzionale, con la conseguenza che la distinzione tra esercizio dello ius aedificandi e dello ius excludendi alios ex art. 831 c.c. va rintracciata nella verifica concreta delle caratteristiche del manufatto".

Nel caso sottoposto all'attenzione del Tar, la proprietaria di un compendio immobiliare realizzava, al fine di proteggerlo, la posa in opera di 64 paletti in ferro, con altezza pari a ml 2,00; in particolare, si provvedeva alla sostituzione della preesistente rete ammalorata con l'utilizzo di paletti in ferro (e rete elettrosaldata) o, nei tratti nei quali questi ultimi non erano utilizzabili, con paletti in legno.

La predetta rete veniva realizzata senza che si procedesse con l'inoltro di un valido titolo edilizio sicché il Comune emanava una ordinanza con la quale ordinava il ripristino dello stato dei luoghi, previa eliminazione delle opere ritenute abusive.

Ricorrendo al Tar, la ricorrente impugnava l'ordinanza eccependo violazione di legge ed eccesso di potere, erroneità dei presupposti, difetto di motivazione e di istruttoria.

In particolare, la donna rilevava non idoneità della recinzione ad alterare in misura paesaggisticamente percepibile la morfologia e le sistemazioni del terreno, con conseguente inapplicabilità al caso di specie del titolo edilizio.

Il Tar condivide la posizione della ricorrente.

Il Collegio ricorda che la realizzazione di una recinzione non richiede un titolo edilizio costitutivo laddove si tratti di una trasformazione che, per l'utilizzo di materiale di scarso impatto visivo e per le dimensioni dell'intervento, non comporti un'apprezzabile alterazione ambientale, estetica e funzionale, con la conseguenza che la distinzione tra esercizio dello ius aedificandi e dello ius excludendi alios ex art. 831 c.c. va rintracciata nella verifica concreta delle caratteristiche del manufatto.

Con specifico riferimento al caso di specie, il Tar rileva come non sia necessario il permesso di costruire, in quanto l'intervento consiste in una mera apposizione di rete metallica sorretta da paletti di ferro o legno, senza muretto di sostegno.

Alla luce di tanto, il Tar accoglie il ricorso, annulla il provvedimento impugnato e condanna il Comune alla refusione delle spese di lite in favore della ricorrente. 

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

L’amministratore uscente può consegnare la documen...
Processo civile e contumacia: cautele e impugnazio...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli