Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Incostituzionale la sospensione della prescrizione durante il Covid 19?

cons3

  Pubblichiamo in calce l'ordinanza del Tribunale di Siena che ha sollevato la questione di rilevante e non manifesta infondatezza della questione di incostituzionalità dell'art. 83 quarto comma del D.L. n. 18/20  sulla sospensione dei termini della prescrizione dei reati per 63 giorni dal 9 marzo all'11 maggio 2020. Come si ricorderà con la decretazione dello stato di emergenza sanitaria a causa della pandemia del covid-19, il Governo ha emanato diversi decreti legge sul rinvio delle udienze penali, civili, tributari e militari, al fine di mettere in pratica il massimo distanziamento sociale per evitare il diffondersi del contagio e  la sospensione di tutti i termini processuali compresi quelli riferiti al decorso della prescrizione.

  Il Tribunale Monocratico di Siena nel giudicare due imputati chiamati a rispondere  della commissione di reati edilizi commessi nell'aprile del 2015, all'udienza del 21 maggio ha sollevato d'ufficio la questione di legittimità costituzionale dell'art. 83 quarto comma del decreto legge n. 18/20 in riferimento al principio di legalità sancito dall'art. 25 della Costituzione. Il Giudice del Tribunale di Siena dubita fortemente della conformità al dettato costituzionale della disposizione "incriminata"  che prolungando enormemente la durata della prescrizione, "modifica in senso sfavorevole all'imputato il regime della prescrizione di un reato commesso prima della sua entrata in vigore". Il Giudice del Tribunale di Siena ha inoltre argomentato che devono considerarsi prive di fondatezza le argomentazioni secondo cui il legislatore ha dovuto fare ricorso alla emanazione dell'art. 83 citato per far fronte a situazioni di eccezionali di emergenza. Infatti, scrive il Giudice nell'ordinanza con la quale trasmette tutto al vaglio della Consulta, che il principio di legalità sancito dall'art. 25 della Costituzione, laddove esige che le norme penali non abbiano in nessun caso portata retroattiva se sfavorevoli all'imputato, deve annoverarsi tra quei principi costituzionali fondamentali dell'ordinamento, posti a presidio dei diritti inviolabili dell'individuo, come di recente affermato dal Giudice delle Leggi nella famosa decisione Taricco (ordinanza n. 24 del 2017).

 Il Giudice senese dopo avere fatto una disamina approfondita sulla natura dell'istituto della prescrizione e dopo avere esposto, con il richiamo di precedenti arresti giurisprudenziali della Corte Costituzionale, le proprie argomentazioni, ha dichiarato manifesta la questione di legittimità costituzionale trasmettendo gli atti alla Consulta previa sospensione del processo chiamato a giudicare.

Gli effetti di una eventuale pronuncia di accoglimento da parte della Corte potrebbero rivelarsi devastanti per molti processi rinviati nel periodo del lockdown.

Si allega qui di seguito l'ordinanza del Tribunale di Siena.

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Protocolli di sicurezza negli studi legali: le ind...
"A chi toccherà la prossima volta?", disse. Dieci ...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli