Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

C'è una tribù in Africa...

WhatsApp-Image-2022-05-08-at-08.31.02-1

 C'è un gruppo etnico in Africa, dove la data di nascita di un figlio non viene conteggiato da quando nasce, e neppure da quando è concepito, ma dal giorno in cui il bambino era un pensiero nella mente di sua madre. Un gruppo che, quando una donna decide di mettere al mondo un bambino, si siede sotto un albero, da sola, e ascolta il canto del bambino che starà per venire. E una volta ascoltata quella canzone, torna da colui che sarà il padre, per insegnarla anche a lui. E poi, quando faranno l'amore per concepire il loro bambino, per un po' di tempo ls canteranno ancora, per invitarlo a far presto.

 E poi, quando lei sarà incinta, la insegnerà alle levatrici e alle altre donne del villaggio, in modo che quando il bambino sarà nato, loro la canteranno per accoglierlo. E poi, quando quel bambino crescerà, agli altri sarà insegnata la stessa canzone. Se lui cadrà, o si farà male al ginocchio, qualcuno lo raccoglierà e gli canterà quel canto. Se farà qualcosa di meraviglioso, allora come un modo per onorarlo, la gente del villaggio canterà la sua canzone.

C'è infine un'altra occasione su cui gli abitanti del villaggio canteranno al bambino. Se in qualsiasi momento commetterà un crimine, sarà chiamato al centro del paese, e tutti formeranno un cerchio intorno e gli canteranno quella canzone. La comunità riconoscerà che la correzione per un comportamento antisociale è l'amore e il ricordo della propria identità. Credendo che, quando si riconoscerà la propria canzone, sparirà bisogno di far cose che possano ferire un altro essere umano.

 Così andrà, per sempre, la loro vita. Quando quel bambino si sposerà, canterà quella canzone insieme alla sua donna, e se la sarà stata una bambina, insieme al suo sposo. E quando lui o lei saranno distesi sul letto, pronti a morire, i loro cari riconosceranno quel canto, e lo canteranno per l'ultima volta, a chi se ne sta andando.

Per il giorno più bello dell'anno, quello dedicato alle madri, a tutte loro e ai loro figli a a me stesso dedico questa storia elaborata da un'antica credenza tribale africana, che ci insegna a stare in pace al mondo e a bandire la guerra ❤

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Una Toga sulle spalle e sul cuore
Per questo Dio ha creato le madri

Cerca nel sito