Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Covid19: anche per gli studi legali contributo canoni locazione. Domande sino al 27 maggio

Obbligo-compenso-altro-collega

Covid 19, contributi per canoni di locazione dello studio legale per conduttori persone giuridiche e bando per la relativa assegnazione

Gli studi legali che hanno stipulato un contratto di locazione potranno presentare domanda per ottenere un contributo per i canoni di locazione corrisposti nel periodo emergenziale. La Cassa forense ha, infatti, indetto un nuovo bando per l'assegnazione dei contributi per i canoni di locazione versati dagli studi legali, conduttori persone giuridiche. Questo bando, reperibile su http://www.cassaforense.it/media/8797/bando-locazioni-persone-giuridiche-cda-26-04-2020.pdf, rientra tra le misure straordinarie adottate dall'Ente previdenziale in questione a sostegno degli avvocati, nonché tra le iniziative che favoriscono la conciliazione tra l'attività lavorativa e lo sviluppo economico dell'Avvocatura, contemplate dal Regolamento della Cassa forense per l'erogazione dell'assistenza [1].

Il contributo erogabile

I contributi erogabili fino a esaurimento dell'importo complessivo di € 2.000.000,00:

  • consistono nel rimborso di un importo pari al 50% dei canoni di locazione corrisposti nel periodo compreso tra 1° febbraio – 30 aprile 2020;
  •  non potranno essere di importo superiore a € 4.000,00 al netto di IVA.

«Sono rimborsabili esclusivamente i canoni di locazione sostenuti per la conduzione di unità immobiliare o di porzioni della stessa:

  • ubicata in Italia;
  • a uso esclusivo di studio professionale;
  • in forza di contratto di locazione ex art. 27 L. 392/78 registrato in data anteriore al 28 febbraio 2020.

Non sono rimborsabili i canoni di sub-locazione. Per la medesima associazione o società professionale può essere richiesto un solo contributo».

Requisiti di partecipazione

Per presentare la domanda di partecipazione al bando, è necessario:

  • essere «legali rappresentanti di uno studio per l'esercizio associato o in forma societaria della professione forense, iscritto alla Sezione speciale dell'Albo1;
  • essere iscritti alla Cassa o iscritti all'Albo/Registro con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso;
  • non essere sospesi ai sensi dell'art. 20 della L. N° 247/12, né cancellati dall'Albo/Registro.
  • che tutti i legali rappresentanti siano in regola con le prescritte comunicazioni reddituali alla Cassa alla data di pubblicazione del bando;  
  •  non essere beneficiari di rimborso, totale o parziale, per le medesime causali da parte di terzi».

«Sono escluse le associazioni e società interdisciplinari».

La domanda di partecipazione e la graduatoria

La domanda di partecipazione al bando in questione:

  • va inviata entro le ore 24,00 del 27 maggio 2020, esclusivamente attraverso la procedura online attivata sul sito internet www.cassaforense.it;
  • va corredata di i) copia del contratto di locazione; ii) copia della/e fattura/e o ricevuta/e relativa/e al pagamento dei canoni di locazione corrisposti nel periodo su indicato; iii) copia dell'atto costitutivo della associazione/società con statuto ed eventuali integrazioni o variazioni afferenti la rappresentanza legale. .

«Le domande prive o carenti degli elementi essenziali che non consentano l'individuazione dell'istante o l'oggetto della richiesta si considerano come non presentate. In caso di mancanza, incompletezza o irregolarità degli elementi formali della domanda e delle dichiarazioni rese, anche da terzi, il richiedente dovrà produrre le dichiarazioni, integrazioni o regolarizzazioni indicate da Cassa Forense nel termine perentorio di 15 giorni dalla relativa comunicazione, a pena di esclusione».

Una volta spirato il termine per la presentazione della domanda o per la sua regolarizzazione, verrà formata «una graduatoria in ordine direttamente proporzionale al maggior numero di associati/soci iscritti a Cassa Forense. In caso di parità, la precedenza è determinata dal miglior equilibrio di genere (50%) tra gli associati/soci iscritti a Cassa Forense e, in caso di ulteriore parità, dal minore contributo richiesto».

Note

[1] Art. 14, lett a7, Regolamento per l'erogazione dell'assistenza.

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Jean Piaget: la crescita mentale dei bambini, un c...
Bon nuit - Umorismo (non solo) forense