Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Chiesa d'Europa al Patriarca di Mosca: "Interceda presso il Cremlino, è il tempo della pace"

Screenshot_20220310-205705_Gallery

Falliti, finora, tutti i tentativi di negoziato, è la Chiesa di Papa Francesco a fare un passo per un "cessate il fuoco" che, in questo momento, appare francamente difficilissimo da ottenere. Dopo la "missione"  del cardinale elemosiniere della casa pontificia nei territori devastati dalla guerra, ora, con una lettera indirizzata a Sua Santità Kirill, Patriarca di Mosca e di tutta la Russia, il Presidente della Commissione delle Conferenze Episcopali dell'Unione Europea (COMECE), S.Em.R. Il cardinale Jean-Claude Hollerich SJ, ha rivolto al Patriarca un appello affinché interceda presso le autorità russe affinché "dimostrino buona volontà per cercare una soluzione diplomatica al conflitto, basata sul dialogo, il buon senso e il rispetto del diritto internazionale".

"Con il cuore spezzato dalle tragiche testimonianze provenienti dalle aree assediate in Ucraina", il Presidente dei Vescovi dell'UE ha anche invitato il Patriarca a sostenere "corridoi umanitari sicuri e accesso illimitato all'assistenza umanitaria".

Rivolgendosi al Patriarca come a qualcuno che potrebbe portare un segno di speranza per una soluzione pacifica di questo conflitto, il cardinale Hollerich ha ricordato la dichiarazione congiunta del 2016 rilasciata dal Patriarca Kirill e da Papa Francesco in cui deplorava le ostilità in corso in Ucraina. "Per favore, non lasciate che queste potenti parole vadano invano" – ha aggiunto Hollerich. Che nel gennaio 2022, mentre crescevano le tensioni al confine orientale dell'UE, aveva chiesto di mettere da parte "interessi particolari e promuovere misure che portino alla riduzione dell'escalation e al rafforzamento della fiducia".

A seguito dell'invasione militare russa dell'Ucraina alla fine di febbraio 2022, il presidente della Comece ha condannato le ostilità "come una seria minaccia alla pace in tutto il continente europeo e oltre" e ha lanciato un appello alle società e ai governi europei affinché accolgano i rifugiati in cerca di protezione internazionale.

Ecco il testo della lettera: 

"Santità,
È con profondo dolore nel mio cuore che mi rivolgo oggi a Lei come Presidente della Commissione delle Conferenze Episcopali Cattoliche dell'Unione Europea (COMECE) e come fratello fedele in Nostro Signore Gesù Cristo.
Con il cuore spezzato, ascoltiamo le voci dei nostri fratelli e sorelle che soffrono
dalla follia della guerra in Ucraina, le cui orribili conseguenze sono di fronte ai nostri occhi. Migliaia, soldati e civili allo stesso modo, hanno già perso la vita e altro ancora di un milione di persone sono state sfollate o sono fuggite dalla loro patria, la maggior parte di loro donne e bambini vulnerabili.
Mentre attacchi violenti stanno colpendo l'Ucraina e il suo popolo, ogni giorno con maggiore forza cresce il bisogno di assistenza umanitaria drammaticamente di ora in ora, mentre gli sforzi diplomatici sono rimasti finora infruttuosi.
Inoltre, mentre le parole e le azioni continuano a crescere, la possibilità di un conflitto europeo più ampio o anche un conflitto globale con conseguenze catastrofiche non può essere escluso.
In questi momenti bui per l'umanità, accompagnati da intensi sentimenti di
disperazione e paura, molti ti guardano, Santità, come qualcuno che potrebbe portare un segno di speranza per una soluzione pacifica di questo conflitto. Nel 2016 hai deplorato insieme a Sua Santità Papa Francesco "l'ostilità in Ucraina che ha già causato molte vittime, inflisse innumerevoli ferite a abitanti pacifici e gettò la società in una profonda crisi economica e crisi umanitaria", sollecitando un'azione finalizzata alla costruzione della pace e della sociale
solidarietà.
Per favore, non lasciare che quelle potenti parole siano dette invano. Condividendo i sentimenti di papa Francesco di angoscia e preoccupazione più volte espresse per i "fiumi di sangue e lacrime che scorrono dentro Ucraina", oso implorare Vostra Santità in spirito di fraternità: per favore, rivolga un
appello urgente alle autorità russe affinché fermino immediatamente le ostilità contro il popolo ucraino e mostrino buona volontà per cercare una soluzione diplomatica al
conflitto, basato sul dialogo, il buon senso e il rispetto del diritto internazionale, mentre siano consentiti corridoi umanitari sicuri e accesso illimitato agli aiuti umanitari
assistenza.
Come ha sottolineato Sua Santità durante il suo recente incontro con il Nunzio Apostolico della Federazione Russa, "la Chiesa può essere una forza pacificatrice". In questo tempo di Quaresima, noi cristiani, annunziando lo stesso Vangelo e pregando lo stesso Dio che è il Dio della pace e non della guerra, preghiamo e facciamo del nostro meglio per aiutare a porre fine a questo insensata guerra perché la riconciliazione e la pace risiedano nel continente europeo".

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Il rispetto dei doveri di fedeltà e di difesa degl...
Roberta, la presidente "Putin: uno da processare"

Cerca nel sito