Se questo sito ti piace, puoi dircelo così

Dimensione carattere: +

Giovanni Fattori, Ritratto dell'avvocato Valerio Biondi (1874)

18341740_1167459523382790_6338057878107926310_n

Giovanni Fattori (Livorno, 6 settembre1825Firenze, 30 agosto1908) è stato un pittore e incisoreitaliano. È considerato tra i maggiori pittori italiani dell'Ottocento e tra i principali esponenti del movimento dei Macchiaioli.

Con l'ascesa al soglio pontificio di Pio IX la popolazione studentesca iniziò ad essere animata da intensi fermenti nazionalisti e rivoluzionari. Ne fu coinvolto lo stesso Fattori che, infiammato dall'ardore giovanile, si arruolò come fattorino del partito d'Azione e girò per la Toscana distribuendo «fogli incendiari» simili a volantini. Arrivò persino a pensare di arruolarsi volontario, anche se questo proposito non fu mai messo in atto in quanto non riuscì a superare l'opposizione dei genitori: ciò malgrado la tumultuosa epopea risorgimentale non mancò di lasciare un'impronta profonda nella fantasia del Fattori.[1]

Dopo il termine delle vicende risorgimentali e la maturazione di una coscienza politica, Fattori ritornò alla pittura, accostandosi ad essa con un animo bohémienne: «feci, egli dice, la vera vita del boemien (sic) senza posare e senza saperlo [...] per pura necessità», avrebbe poi detto. Spinto dalla presenza austriaca in Toscana, e dalla volontà di allontanarsi dalla pittura bezzoliana, ancora nel solco della tradizione accademica, Fattori divenne un assiduo frequentatore del caffè Michelangiolo, taverna scelta come luogo di ritrovo da diversi artisti e patrioti fiorentini. Si trattò questo di un periodo «di vita lieta, spensierata senza sapere che cosa fosse il domani», allietato anche dall'amicizia con Settimia Vannucci, donna con la quale si sarebbe sposato nel 1860. Lo stesso Fattori, parlando della futura moglie, ci racconta dell'epidemia di colera che falcidiò la città nel 1854, anno del loro fidanzamento (la stessa Settimia, pur non soccombendo, ne fu vittima) e delle sue pressanti condizioni economiche, a causa delle quali divenne attivo come vignettista-litografo. Nel frattempo, dopo gli esordi dell'Autoritratto (1854), Fattori sperimentò una nuova tecnica espressiva, la macchia: ne riparleremo più approfonditamente nel paragrafo Stile

​Nel 1861 eseguì il Ritratto della cugina Argia, altro quadro di spicco, mentre l'anno successivo fu la volta del Campo italiano alla battaglia di Magenta, dipinto per il quale Fattori poté beneficiare di una somma di denaro messagli a disposizione mediante concorso per recarsi personalmente sul campo di Magenta, in Lombardia. Questi giorni, tuttavia, furono funestati da una gravissima disgrazia familiare: Settima, infatti, aveva contratto la tubercolosi, malattia che la portò alla morte nel 1867. Nonostante il lutto, in questi anni Fattori riuscì a mettere definitivamente a punto le sue doti da pittore, licenziando una serie di opere destinate da avere grande eco che indagavano gli aspetti più concreti e quotidiani della realtà. A questa evoluzione stilistica contribuì anche Diego Martelli, nume tutelare della cosiddetta «scuola di Castiglioncello», cui Fattori si accostò nel luglio 1867: oltre a divenire un intimo amico del Martelli, in questa città Fattori realizzò moltissime opere nella campagna maremmana, come Assalto e Bovi al carro. Dopo un soggiorno a Roma del 1872 produsse invece opere dal sapore verista, autoctono, persino Viale animato (si pensi alle tre versioni della Posta al campo o alle due redazioni del Viale animato), con le quali si conquistò il favore dei contemporaneiDal 1862 Fattori iniziò a entrare nella considerazione di Francesco e Matilde Gioli e a frequentare la loro villa di Vallospoli, animata da una grande vivacità culturale che certamente gli giovò. Trasse qualche suggestione anche dal soggiorno a Parigi, ove soggiornò fra il maggio e il giugno del 1875, ospite di Federico Zandomeneghi: egli, tuttavia, manifestò ben presto una naturale idiosincrasia per la pittura impressionista, che doveva certamente rappresentare la vera novità del periodo, nutrendo un'avversione profonda specialmente nei confronti di Camille Pissarro. Fu in quegli anni che andò delineandosi la sua fama di «forte verista», sancita dai premi vinti nelle Esposizioni: nel 1870 a Parma; nel 1873 a Vienna e a Londra; nel 1875 a Santiago del Cile; nel 1876 a Philadelphia; nel 1880 a Melbourne; nel 1887 a Dresda; nel 1889 a Colonia. Uno dei suoi dipinti, nella fattispecie Quadrato di Villafranca, fu ammirato dal re Umberto I e acquistato dalla Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma. Nel frattempo si invaghì perdutamente di Amalia Nollemberger, una diciannovenne tedesca al servizio di Matilde Gioli in qualità di istruttrice: l'ardore suscitato dalla giovane donna fu tale causò un salto di qualità nell'arte di Fattori.[1]

Il riconoscimento di Fattori fu testimoniato anche dalla nomina di professore corrispondente della Accademia di Belle Arti di Firenze nel 1869 e di professore onorario di pittura 1880. Nonostante questi titoli egli non ebbe mai un ruolo organico nell'Accademia e percepì sempre stipendi assai modesti, tanto che si trovò costretto a dedicarsi all'insegnamento privato della pittura presso le famiglie della nobiltà fiorentina. Quest'attività accrebbe sia i suoi guadagni che la sua fama, e Fattori si ritrovò ad apprezzare quell'abominevole «aristocrazia di casta» sino ad allora giudicata negativamente a causa dell'opposizione politica e della limitatezza degli ambienti che egli aveva frequentato sino ad allora. Quest'influenza fu senza dubbio molto positiva e stimolante, tanto che in questi anni rintracciamo un ulteriore punto di svolta nella pittura fattoriana. Intanto intraprese anche l'attività di acquafortista, incidendo un globale di ben duecento lastre.[1]

Tra i suoi ultimi allievi fu Giovanni Malesci, che gli stette a fianco negli ultimi anni, dal 1903 al 1908, divenendo il maggior prosecutore della memoria del maestro. La celebrità di Fattori era ormai giunta al suo culmine, e fu con commozione che il segretario della Biennale di Venezia annunciò la presenza di «papà Fattori, vera anima di vero artista» alla quinta edizione dell'esposizione internazionale. Galvanizzato dalla notorietà raggiunta, Fattori lavorò alacremente e furono numerosissime le tele che egli inviò alle varie esposizioni che si susseguivano in Europa. Oltre alla Biennale di Venezia Fattori espose anche a Berlino (1896), Dresda (1897), Monaco di Baviera e Parigi (1900, presso la Exposition universelle), riscuotendo riconoscimenti e premi. Burrascosa fu la sua vita sentimentale: il 4 giugno 1891 sposò Marianna Bigazzi, dopo una convivenza di otto mesi (matrimonio dettato anche dalla necessità di agevolare quello della figliastra Giulia col pittore uruguayano Domingo Laporte). La Bigazzi, tuttavia, morì il 1º maggio 1903; Fattori nel 1907 sposò una sua amica, Fanny Marinelli, che pure morì prematuramente il 3 maggio 1908. Ormai anziano, il pittore non si sposò più e decise di giovarsi della compagnia delle sue allieve, le quali contribuirono a una serena vivacità di spirito. Speciale menzione meritano Adele Galeotti, con la quale dipinse sul Trasimeno, Enedina Pinti (con cui si recò a Bauco e San Rossore nel 1904-5), e Anita Brunelli, con la quale Fattori si augurava di poter dipingere insieme sul litorale livornese.

Giovanni Fattori morì il 30 agosto 1908 all'età di 82 anni a Firenze; pianto sinceramente dai contemporanei, i funerali furono celebrati il 1º ottobre 1908.

 

Tutti gli articoli pubblicati in questo portale possono essere riprodotti, in tutto o in parte, solo a condizione che sia indicata la fonte e sia, in ogni caso, riprodotto il link dell'articolo.

Coffee break - Umorismo (non solo) forense
Astensione dei penalisti contro l’abolizione della...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli