Imagoeconomica_7749

Con decreto del 23 dicembre 2021, il Ministero dello sviluppo economico ha promosso il piano voucher fase 2, per interventi di sostegno alla domanda di connettività delle micro, piccole e medie imprese a fronte dello step change, inteso quale incremento della velocità di connessione, realizzato con qualsiasi tecnologia. Inizialmente l'incentivo era previsto solo per le micro, piccole e medie imprese. Con successivo decreto del 27 aprile 2022, il piano voucher fase 2 è stato esteso anche alle persone fisiche titolari di partita IVA che esercitano, in proprio o in forma associata, una professione intellettuale ai sensi dell'art. 2229 del codice civile, ovvero una delle professioni non organizzate di cui alla legge 14 gennaio 2013, n. 4.

Alla luce di questa estensione, possono ottenere il contributo in questione anche gli avvocati.

Ma vediamo di cosa si tratta.

Il contributo di connettività

Il contributo erogabile va da un minimo di 300 euro ad un massimo di 2.500 euro, per servizi di connettività a banda ultralarga da 30 Mbit/s ad 1 Gbit/s (e superiori). 

Le tipologie di voucher

Sono previste quattro diverse tipologie di voucher, a seconda di parametri prestazionali (velocità massima in download e banda minima garantita) relativi all'offerta attivata.

Tali tipologie di voucher sono suddivise in:

  • voucher A. Detto voucher di suddivide, a sua volta, in A1 e A2. Il voucher A1 prevede un contributo di connettività di euro 300 per una durata massima di 18 mesi e una velocità in download da 30 Megabit al secondo a 300 Megabit al secondo. Il voucher A2 prevede i) un contributo di connettività di euro 300, ii) un contributo per eventuali costi di rilegamento fino a euro 500, per una durata massima di 18 mesi e una velocità in download da 300 Megabit al secondo a 1 Gigabit al secondo. Entrambi i voucher non prevedono una banda minima garantita;
  • voucher B. Esso prevede i) un contributo di connettività di euro 500, ii) un contributo per eventuali costi di rilegamento fino a euro 500, per una durata massima di 18 mesi e una velocità in download da 300 Megabit al secondo a 1 Gigabit al secondo. È garantita una banda minima di 30 Megabit al secondo;
  • voucher C. Questo incentivo prevede i) un contributo di connettività di euro 2.000, ii) un contributo per eventuali costi di rilegamento fino a euro 500, per una durata massima di 24 mesi e una velocità in download superiore a 1 Gigabit al secondo. È garantita una banda minima di 100 Megabit al secondo.

La richiesta del voucher

L'attivazione dei servizi a banda ultralarga potrà essere richiesta [...] direttamente agli operatori, dopo che questi si saranno registrati sul portale dedicato al voucher, attivato appositamente da Infratel Italia (società cui è stata affidata la realizzazione dell'intervento), utilizzando i consueti canali di vendita. Gli operatori già accreditati per la precedente fase 1 del Piano Voucher, destinata alle famiglie con fascia di ISEE fino a 20 mila euro, saranno automaticamente accreditati per la nuova fase per le imprese, dopo che avranno sottoscritto la nuova Convenzione con Infratel Italia e dimostrato di essere in possesso dei requisiti necessari ai fini dell'iscrizione nell'elenco degli operatori accreditati.

La richiesta del voucher potrà essere presentata entro il 15 dicembre 2022, fino a esaurimento delle risorse stanziate. Potrebbe essere prevista una proroga per un ulteriore anno, previa disponibilità di risorse e a seguito di valutazione da parte della Commissione europea.

Maggiori informazioni sono reperibili su: https://bandaultralarga.italia.it/scuole-voucher/progetto-voucher-fase-ii/; https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2022/05/19/22A02935/sg.